Situazione economico-finanziaria del Gruppo - Situazione patrimoniale del Gruppo Fiat ante Scissione

Situazione patrimoniale del Gruppo Fiat ante Scissione al 31 dicembre 2010

Al 31 dicembre 2010 il Totale Attivo è pari a 73.442 milioni di euro, in crescita di 6.207 milioni di euro rispetto ai 67.235 milioni di euro di inizio esercizio.

 

A fine esercizio le Attività non correnti sono pari a 27.331 milioni di euro, in crescita di 1.847 milioni di euro rispetto a quelle di inizio esercizio. L’incremento è attribuibile per circa 0,9 miliardi di euro all’effetto della variazione dei cambi di conversione, riferito principalmente agli Immobili, impianti e macchinari (circa 400 milioni di euro) e alle Attività Immateriali (circa 260 milioni di euro, per lo più relativi al Goodwill di CNH). La quota residua dell’incremento è quasi totalmente attribuibile al saldo positivo tra investimenti e ammortamenti, alle maggiori imposte differite attive e alla crescita delle Partecipazioni e altre attività finanziarie.

 

Le Attività correnti ammontano a 46.032 milioni di euro. L’aumento di 4.363 milioni di euro è dovuto per circa 2 miliardi di euro all’effetto della variazione dei cambi conversione, mentre, per la parte residua, è principalmente attribuibile all’aumento delle disponibilità e mezzi equivalenti.

 

In conseguenza dell’operazione di Scissione, a fine esercizio sono state riclassificate come Discontinued Operation attività per complessivi 34.786 milioni di euro e passività per 29.920 milioni di euro.

 

Il Capitale di funzionamento, escluse le partite correlate alle vendite di veicoli con patto di riacquisto (buy-back) e alle rimanenze di quelli rivenienti da contratti di leasing operativo, è negativo per 3.391 milioni di euro, in diminuzione di 1.727 milioni di euro rispetto a quello di inizio esercizio.

 20102009 
(in milioni di euro)    Continuing
Operation
Discontinued
Operation
Gruppo
Fiat
Ante
Scissione
Gruppo
Fiat
Ante
Scissione
Variazione
Gruppo
Fiat
Ante
Scissione
Crediti commerciali     2.259
 1.791
 4.050
 3.649    401
Debiti commerciali     (9.345)
 (3.906)
 (13.251)
 (12.295)
 -956
Crediti/(Debiti) per imposte correnti, Altre Attività/(Passività) correnti 
(a)(1.386)
(349)
 (1.735)
 (905)    -830
Capitale di funzionamento     (4.666)
 1.275
 (3.391)
 (1.664)
 -1.727
(a) Le Altre Passività correnti, incluse nel saldo tra Crediti/(Debiti) per imposte correnti e Altre ttività/(Passività) correnti, sono esposte al netto dei debiti verso i clienti corrispondenti al prezzo di riacquisto a fine contratto, unitamente al valore dei canoni anticipati dai clienti stessi per veicoli ceduti con buy-back, pari, all’inizio del contratto, alla differenza tra il prezzo di cessione e quello di riacquisto, da ripartirsi lungo la durata contrattuale.

Al 31 dicembre 2010 i crediti commerciali, gli altri crediti e i crediti da attività di finanziamento, con scadenza successiva a tale data, ceduti a titolo definitivo nel rispetto dei requisiti previsti dallo IAS 39 e pertanto stornati dall’attivo di bilancio, ammontano a 4.624 milioni di euro (4.611 milioni di euro al 31 dicembre 2009). Tale importo include crediti, principalmente verso la rete di vendita, ceduti a società di Servizi Finanziari a controllo congiunto (gruppo FGA Capital) per 2.376 milioni di euro (2.530 milioni di euro al 31 dicembre 2009) e a società di Servizi Finanziari collegate (Iveco Finance Holdings Limited) per 409 milioni di euro (440 milioni di euro al 31 dicembre 2009).

 

Nel 2010, il capitale di funzionamento netto, calcolato a parità di area di consolidamento e di cambi, ha registrato una diminuzione di circa 2 miliardi di euro, per effetto di una crescita dei debiti commerciali, principalmente di CNH e Iveco, in relazione ai più elevati volumi di attività, di un ulteriore contenimento delle scorte e dell’incremento del saldo debitorio della voce Crediti/(Debiti) per imposte correnti e Altre Attività/(Passività) correnti, principalmente per l’accertamento delle imposte correnti e per l’incasso dei crediti verso l’erario derivanti dagli eco-incentivi. Queste componenti sono state solo in parte compensate dai maggiori crediti commerciali.

 

Al 31 dicembre 2010 l’Indebitamento netto consolidato è pari a 14.932 milioni di euro, in diminuzione di 966 milioni di euro rispetto ai 15.898 milioni di euro di inizio esercizio. Escludendo l’effetto della variazione dei cambi di conversione l’indebitamento netto è diminuito di 1.790 milioni di euro: nel corso del 2010 il flusso positivo delle operazioni d’esercizio ha più che compensato i fabbisogni per le attività di investimento (principalmente gli investimenti di periodo e l’incremento del portafoglio delle società di Servizi Finanziari) e per il pagamento dei dividendi.

 

La ripartizione dell’indebitamento netto industriale tra Continuing Operation e Discontinued Operation, che tiene già conto degli effetti derivanti dalla Scissione avvenuta il 1° gennaio 2011, è di 2.753 milioni di euro e di 12.179 milioni di euro rispettivamente.

    Al 31.12.2010Al 31.12.2009
(in milioni di euro) Continuing Operations (*)Discontinued
Operation (*)
Gruppo
Fiat
Ante
Scissione
Gruppo
Fiat
Ante
Scissione
Debiti finanziari     (20.804)   (18.695)   (31.008)   (28.527) 
Debiti per anticipazioni su cessioni di crediti     (533)   (8.321)   (8.854)   (7.086) 
Altri debiti finanziari     (17.406)   (4.748)   (22.154)   (21.441) 
Debiti finanziari delle Discontinued Operation verso le Continuing Operation     -   (5.626)   -   
Debiti finanziari delle Continuing Operation verso le Discontinued Operation     (2.865)   -   -   
Crediti finanziari correnti verso società di Servizi Finanziari a controllo congiunto
(1)  12   -   12   14 
Crediti finanziari delle Discontinued Operation verso le Continuing Operation     -   2.865   -   
Crediti finanziari delle Continuing Operation verso le Discontinued Operation     5.626   -   -   
Debiti finanziari al netto dell’intersegment e dei crediti finanziari correnti verso società di Servizi Finanziari a controllo congiunto   (15.166)   (15.830)   (30.996)   (28.513) 
Altre attività (passività) finanziarie  
(2)  261   (59)   202   172 
Liquidità    12.152   3.710   15.862   12.443 
Titoli correnti     185   24   209   217 
Disponibilità e mezzi equivalenti 
  11.967   3.686   15.653   12.226 
Indebitamento netto     (2.753)   (12.179)   (14.932)   (15.898) 
Attività Industriali     (542)   (1.900)   (2.442)   (4.418) 
Servizi Finanziari     (2.211)   (10.279)   (12.490)   (11.480) 
(*) Gli importi tengono conto degli effetti derivanti dalla Scissione avvenuta il 1° gennaio 2011. (1) Include i crediti finanziari correnti verso la joint venture FGA Capital. (2) Include il fair value positivo e negativo degli strumenti finanziari derivati.

Nel corso del 2010 i Debiti finanziari del Gruppo Fiat ante Scissione sono cresciuti di 2.481 milioni di euro (circa 1,1 miliardi di euro se si esclude la variazione dei cambi di conversione), riferibili principalmente ai maggiori debiti per anticipazioni su cessioni di crediti.

 

Alla fine di giugno 2010, Case New Holland Inc. ha completato il collocamento di un prestito obbligazionario pari a 1,5 miliardi di dollari, con scadenza 2017, ad un prezzo pari al 99,32% del valore nominale e cedola fissa del 7,875%.

 

Nel mese di febbraio 2010 è stato rimborsato un prestito obbligazionario da 1 miliardo di euro giunto a scadenza, mentre nel mese di luglio CNH ha rimborsato in anticipo un prestito obbligazionario da 500 milioni di dollari (scadenza originaria 1° marzo 2014).

 

Al 31 dicembre 2010, la Liquidità (disponibilità, mezzi equivalenti e titoli correnti) è pari a 15,9 miliardi di euro, in aumento di 3,5 miliardi di euro rispetto ai 12,4 miliardi di euro di inizio esercizio.

 

Le Disponibilità e mezzi equivalenti includono 694 milioni di euro (530 milioni di euro a fine 2009) di disponibilità a utilizzo predefinito, destinate principalmente al servizio del debito delle strutture di securitization, rappresentato tra i Debiti per anticipazioni su cessioni di crediti.

© 2011 FIAT S.p.A - P.IVA 00469580013